Newsletter Natale 2017

La responsabilità sociale d’impresa. 

L’impatto sulla crescita del fatturato.

 

Herb Kellehers, visionario imprenditore americano e Presidente/fondatore del consiglio di amministrazione della Southwest Airlines, rispose così alla domanda di un giornalista che gli chiedeva: Vengono prima gli azionisti o i dipendenti?

“Beh facile, i dipendenti! Se il dipendente viene trattato bene e nel modo giusto lui tratterà bene il mercato con cui si relaziona e i consumatori continueranno ad acquistare i nostri prodotti. Di conseguenza gli azionisti saranno felici. Da noi funziona così non è un rompicapo.”

E tu come gestisci il rapporto con i tuoi dipendenti? La creazione di un solido legame tra il datore di lavoro e i suoi collaboratori rappresenta una risorsa fondamentale per garantire un business in progressione. I vantaggi per l’azienda non sono pochi, basti pensare alla riduzione dei conflitti sul lavoro, all’aumento della fedeltà dei lavoratori e al conseguente incremento della produttività.

Quali strategie adotta un vero Masterboss per ottenere questo risultato?

Prima di tutto devi fissare obiettivi certi e raggiungibili ma anche imparare a delegare. Affidare incarichi e mansioni agli altri rappresenta un’ottima strategia per responsabilizzare i tuoi collaboratori che con il tempo impareranno ad essere autonomi e ti consentiranno di dedicare più ore alla parte strategica che ti compete ma anche alla tua vita privata.

Ovviamente, questo non è un percorso che può essere affrontato dal collaboratore in autonomia. Il bravo Masterboss non è solo un capo ma anche un coach che aiuta i suoi dipendenti a riconoscere e a sfruttare i propri punti di forza e a migliorare quelli di debolezza.

Comunicare in modo efficace è parte integrante di questo percorso. I propri dipendenti devono essere stimolati a parlare apertamente per esporre idee o perplessità.

C’è infine una condizione, forse la più importante di tutte, che deve essere soddisfatta affinché il rapporto tra azienda e collaboratori sia saldo: l’imprenditore, dopo aver chiesto tanto, deve essere anche in grado di “dare” e al suo staff la giusta gratificazione per la conquista di una meta, per l’impegno profuso, per aver consentito all’azienda di raggiungere i risultati prefissati.

E allora è questo il momento di dare al tuo staff: una gratifica economica inaspettata, dei giorni di ferie a sorpresa, dei permessi straordinari, insomma, un premio che faccia sentire i tuoi dipendenti apprezzati, che possa in qualche modo ricompensarli per quello che hanno fatto per te.

Ma non solo. Questo atteggiamento di ricompensa verso i dipendenti è solo una parte di un tema più ampio: la responsabilità sociale d’impresa.

L’85% degli italiani ritiene che “Un’azienda debba intraprendere azioni specifiche che contribuiscano alla creazione di profitto e contemporaneamente migliorino le condizioni economiche e sociali della comunità in cui opera” (fonte: 2016 Edelman Trust Barometer).

La costruzione di partnership no-profit con enti o associazioni esterne alle aziende portano importanti benefici, sia di carattere organizzativo interno che di carattere reputazionale.

In ambito aziendale, una partnership no-profit aiuta a sviluppare il senso di appartenenza, riduce le distanze gerarchiche, migliora i rapporti personali e il clima aziendale. I benefici esterni riguardano invece il rafforzamento dei legami che l’azienda ha con gli stakeholder (soggetti, individui e organizzazioni attivamente coinvolte nell’attività economica dell’azienda).

Auguri per un Felice Natale da tutto lo staff

MASTERBOSS ITALIA